Ugo Betti Store - negozio creativo

Prodotti di design e fiori

logougo betti piccoloIl negozio di Ugo Betti, la cui location è da 25 anni in Via A.Cecchi, 64 Pesaro e che, con il passare del tempo, si è rinnovato, acquistando una fisionomia sempre più personale e gradevole. Come non entrare all’interno del locale e non rimanere conquistati dalle stilose composizioni floreali, da tanti originali oggetti d’arredamento, o da capi di abbigliamento dal tocco innovativo che li rende particolarissimi?

Ugo Betti, infatti, ha creato un piacevole ambiente, dove il cliente può acquistare non solo un mazzo di fiori un pò speciale, ma anche un originale gioco per bambini, una lampada, un salvadanaio, una borsa simpatica, un interessante oggetto di design dalla firma internazionale sicuramente curioso.

“In fondo -afferma Ugo Betti- nel commercio si è sommersi da un’offerta di produzione seriale che toglie all’attività la personalità del titolare. Partendo da questa sempliceconsiderazione, ho iniziato a mettere in pratica un mio progetto ben preciso, quello di scegliere ciò che mi piace e creare un punto vendita dove poter entrare e farsi coinvolgere da qualcosa di veramente insolito da regalare o da regalarsi, fruendo di una scala di prezzi variabile, dall’acquisto più importante a quello dal costo più contenuto”.

Cosa sottolineare ancora? “Che da 6 o 7 anni è nata anche una mia vera e propria collaborazione sia con privati che con gestori di locali pubblici, quali, ad esempio, Bar-Pub, che mi chiamano per arredare la loro tavola in occasioni speciali o per rivitalizzare i loro ambienti. In pratica -dice Ugo Betti do colore con oggetti o composizioni in Nuovi Show Room, oppure in abitazioni i cui proprietari vogliono aggiungere un tocco di personalità, grazie a un divano particolare, una sedia, un tavolo o con una scaffalatura come quella che ho disegnato e progettato io e che è visibile nel mio negozio. Quindi, posso affermare che, dopo l’arredatore, arrivo io!!”.

 Allora non rimane altro da aggiungere che: “Via libera al bello e all’immaginazione”.